Tester per Loacker!

Vi ricordate di questo post, in cui vi davamo qualche nuovo consiglio in tema di risparmio, accennando anche alla possibilità di diventare tester di prodotti? Si tratta di testare un prodotto e parlarne sinceramente, elencando pregi e difetti: in questo modo la ditta può ottenere un parere direttamente dal potenziale consumatore. Lo chiamano anche marketing partecipativo, un metodo che accontenta sia l’azienda che il tester! In questi mesi ci siamo iscritti anche a Trnd Italia, e dopo qualche candidatura siamo stati selezionati per testare il Cioccolato Loacker!

20141027_121833Ecco il pacco che abbiamo ricevuto gratuitamente a casa stamattina, composto da tavolette di Cioccolato Loacker WhiteCioccolato Loacker MilkCioccolato Loacker Cremkakao Cioccolato Loacker Dark-Noir oltre ai volantini, la guida al progetto e alcuni questionari per poter fare piccole interviste ad amici e conoscenti dopo un goloso assaggio!

Entusiasti di poter far parte di questo progetto, non abbiamo perso tempo… abbiamo subito fatto un piccolo assaggio di tutte e quattro le varietà: si tratta di tavolette di 87 gr ciascuna, con all’interno una cialdina di wafer (e in fondo, chi non associa Loacker ai wafer?) ricoperta da una crema al cacao o al latte, a seconda dei gusti.

ingredienti

Prima, però, ci siamo fiondati a leggere la lista degli ingredienti, e ne siamo rimasti abbastanza soddisfatti: pur essendo un prodotto industriale, non contiene grassi idrogenati! Un ottimo biglietto da visita, visto che noi cerchiamo sempre di evitare prodotti che li contengano. Un’altra voce alla quale prestiamo sempre attenzione sono gli aromi, che in questo caso sono decisamente naturali (bacche di Vaniglia Bourbon!) e fanno guadagnare altri punti al prodotto (nella fotografia, gli ingredienti del “Cremkakao”). L’unica cosa che non possiamo apprezzare del tutto è la quantità massiccia di zuccheri, ma purtroppo è raro trovare una tavoletta di cioccolato nella grande distribuzione che consenta di mantenere un indice glicemico basso. Tuttavia, i due elementi che abbiamo sottolineato (grassi non idrogenati e aromi naturali) non sono per nulla scontati, e in altre marche non sono facili da trovare.loacker

All’assaggio abbiamo preferito quello “Dark-noir” e quello “White”, dal sapore un po’ più definito rispetto agli altri… Interessante e nuovo (almeno per noi!) l’accostamento wafer –  tavoletta di cioccolato, che spezza un po’ il gusto del cioccolato e rende più sfizioso l’assaggio! Ora ci attiveremo nella campagna, vedendo quale gusto sarà maggiormente apprezzato dai fortunati che potranno testare insieme a noi il cioccolato!

Iscriversi ai siti che offrono l’opportunità di fare i tester è sempre una buona idea, a nostro parere: fatelo, per conoscere nuovi prodotti e avere la possibilità di dire la vostra opinione direttamente: è un’occasione rara per essere ascoltati come consumatori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *