Archivi tag: lisboa

Viaggio di nozze – parte 1: Lisbona e Porto!

Per il nostro viaggio di nozze, abbiamo scelto di visitare due bellissime città portoghesi e di terminarlo percorrendo a piedi un tratto del Cammino di Santiago: non potevamo fare scelta migliore!

Abbiamo raggiunto LISBONA in aereo e abbiamo soggiornato al Turim Iberia Hotel, un quattro stelle decisamente carino con una buona colazione, vicino a Campo Pequeno, a poche fermate di metro dal centro. Avendo poco tempo a disposizione, abbiamo preferito perderci tra le vie dei quartieri, tra i quali ricordiamo il pittoresco quartiere Alfama, con il Castelo de Sao Jorge (ingresso 8,50) dal quale potrete godere di un meraviglioso panorama sulla città. Abbiamo poi voluto raggiungere l’imperdibile quartiere di Bélem con il meraviglioso Monastero dos Jeronimos, la splendida Torre (se si vogliono vedere sia Torre che Monastero, c’è il biglietto cumulativo a 12 euro)il Monumento dos descobrimentos (ingresso e ascensore 5 euro) dal quale potrete vedere tutta Lisbona dall’alto e ovviamente non ci siamo persi una capatina alla storica Confaitaria de Belem, dove abbiamo assaggiato i buonissimi pasteis de nata (costano 1,10 l’uno ma li valgono tutti) confezionati in comodi tubi di cartone da asporto: sono molti i turisti che mangiano i famosi dolcetti sulle panchine dei giardini a pochi metri di distanza. Ci siamo sempre spostati con i mezzi pubblici, con la tessera VIAGEM ricaricabile (il biglietto giornaliero costa 6,15 euro + 0.50 di costo tessera che dura un anno) che si può fare tranquillamente alle biglietterie automatiche situate all’ingresso della metro.

TIP: Se volete concedervi una cena con vista, consigliamo Chapito, vicino al Castelo de Sao Jorge. Altrimenti, comincerete ad amare gli onnipresenti supermercati Pingo Doce!

Abbiamo poi raggiunto PORTO in bus (circa 4 ore), soggiornando presso l’Hotel Ibis Business in Rua da Alegrìa, molto essenziale ma pulito e in una buona posizione. In realtà Porto è una città piccola, e le distanze non sono mai troppo grandi: la girerete in una sola giornata! Da non perdere la stazione dei treni decorata con splendidi azulejos che a differenza di Lisbona rappresentano intere scene come veri e propri dipinti, la Cattedrale (Sè) e la Livraria Lello a cui si è ispirata la Rowling per il suo “Harry Potter” (l’ingresso costa 4 euro, che però vengono scontati se si acquista un libro).

Percorrendo il ponte Eiffel, vi ritroverete nella zona dedicata al vero protagonista della città: il vino porto! I tour nelle cantine proposti sono innumerevoli, vi consigliamo di preferire le cantine più “scomode”, leggermente più in alto sulla collina. Noi abbiamo scelto la cantina Taylor’s, che per tour + degustazione chiede 12 euro e li vale tutti: è anche una delle poche location con una splendida terrazza e giardino dove potrete rilassarvi mentre degustate i vini offerti. Sempre da questa parte della città, abbiamo scelto di fare un tour in traghetto: evitate i primi, brevi e costosi! Noi abbiamo fatto la Cruzeiro das 6 pontas (12,50 euro per 50 minuti di crociera) che ci è piaciuta moltissimo.

Abbiamo poi dedicato un intero pomeriggio a camminare lungo l’Oceano, forse il momento più rilassante dei nostri pochi giorni in questo splendido paese. Potete farlo anche voi raggiungendo la fermata della metro …. e godendovi la lunga passeggiata fino a …., da cui potrete tornare in centro con il bus 500. Qui la tessera per i mezzi pubblici si chiama ANDANTE e il costo dipende dalla zona che si intende raggiungere: non è di così immediata comprensione per noi poveri turisti che ci siamo arrovellati davanti alla mappa per qualche minuto!

TIP: Assaggiate il Porto Tonic, cocktail ufficiale della città, e abbinate un buon bicchiere di porto rosso con un dolce al cioccolato: è la morte sua!

Dopo una settimana in Portogallo, ci siamo arresi alla cipolla cruda onnipresente in ogni piatto, amiamo il vento impetuoso e il profumo di uova cotte in ogni modo che ci avvolge mentre camminiamo per le vie delle sue città e ancora ci stupiamo dei prezzi incredibilmente più bassi rispetto all’Italia.